I riders non sono lavoratori autonomi.

(Tribunale di Palermo, sentenza del 30/11/2020)

Un ciclofattorino c.d.«rider», è stato assunto da una piattaforma digitale di food-delivery in data 28/09/2018. Il giorno 03/03/2020 è stato disconnesso senza essere più reintegrato, nonostante le numerose richieste. Il lavoratore ha impugnato il licenziamento lamentando e la illegittimità essendo stato comminato in forma orale, discriminatorio e ritorsivo, ed ha chiesto al giudice di accertare la natura subordinata del rapporto di lavoro in relazione alle concrete modalità di svolgimento della prestazione. Il Tribunale di Palermo ha accolto il ricorso riqualificando il contratto di lavoro come contratto subordinato a tempo indeterminato a seguito della mancanza di autonomia e della pervasiva eterodirezione quali elementi che hanno caratterizzato la prestazione del «rider». MASSIMA: «il rapporto di lavoro instaurato tra la piattaforma di food-delivery ed il ciclofattorino deve considerarsi come rapporto subordinato a tempo indeterminato quando la prestazione sia caratterizzata da una pervasiva eterodirezione datoriale e dall’assenza di autonomia in capo al lavoratore» 


La prova della ritorsivitá del licenziamento può essere data anche per presunzioni.

(Tribunale di Milano, sentenza dell’11/09/2020)

Un dirigente, incaricato di sviluppare e gestire corsi triennali in un Istituto di formazione superiore, è stato licenziato per giustificato motivo oggettivo in vista della soppressione della posizione. Tuttavia, a distanza di un breve termine, l’azienda ha proceduto a nominare un nuovo Direttore Accademico, incaricato di svolgere le medesime mansioni del dirigente appena licenziato. Il ricorrente ha lamentato la nullità del licenziamento in quanto ritorsivo e pretestuoso, stante i precedenti diverbi tra le parti. Il Tribunale di Milano ha affermato che la prova del licenziamento ritorsivo -che deve essere data dal lavoratore- può essere raggiunta anche in via presuntiva sulla base dell’avvenuto logoramento dei rapporti fra i vertici aziendali ed il lavoratore e la nomina di un College Director appena successiva alla formale soppressione della posizione del ricorrente. Rilevano, in particolare, nel caso in questione, le e-mail ingiuriose dalla parte datoriale che «trascendono la normale dialettica che può caratterizzare l’attività lavorativa». MASSIMA: «seppur onere della prova del licenziamento ritorsivo spetti al lavoratore, è possibile raggiungerla anche in via presuntiva sulla base dell’avvenuto logoramento dei rapporti di lavoro e della successiva e contestuale nomina di un diverso lavoratore chiamato a svolgere le medesime mansioni del soggetto licenziato»


Il socio-lavoratore di cooperativa estromesso sia dalla cooperativa e sia dal lavoro, non ha diritto alla reintegra nel rapporto di lavoro.

(Tribunale di Piacenza, sentenza del 14/07/2020)

Una società cooperativa ha proposto ricorso contro il lodo arbitrale che aveva annullato la precedente delibera sociale volta ad escludere un socio-lavoratore. L’arbitro aveva statuito la ricostituzione di tutti i rapporti mutualistici preesistenti, ripristinando sia il rapporto associativo sia quello lavorativo in quanto - a suo dire - inscindibilmente connessi per le società cooperative di produzione e lavoro. Il Tribunale ha accolto il ricorso dal momento che la legge 142/2001 art.5, comma 2, prevede «solo che l’esclusione dalla società determini l’automatico scioglimento del rapporto mutualistico di lavoro, non anche la reintegrazione ipso iure in quest’ultimo per l’ipotesi in cui gli effetti della libera di esclusione siano inibiti per mano giudiziale», disponendo a favore del socio-lavoratore solo il pagamento di un’indennitá. MASSIMA: «il socio-lavoratore che, illegittimamente, è stato escluso da una società cooperativa di produzione e lavoro con contestuale licenziamento, in caso di annullamento dell’atto non ha diritto ad essere reintegrato, ma solo ad ottenere un’indennità sostitutiva in quanto ai sensi di legge 142/2001 art.5, comma 2 non é prevista la reintegra del socio-lavoratore»